Indice

1. Sciatica
2. Artrite Reumatoide
3. Osteoporosi
4. Emicrania
5. Dismenorrea
6. Infertilità
7. Gastrite
8. Cistite
9. Menopausa
10. Tabagismo
11. Ipertensione
12. Insonnia
13. Obesità
14. Stress e pnei
15. Cistite interstiziale
16. Psoriasi
17. Occhio secco
18. Viaggi
19. Acufeni
20. Allergie-Asma
21. Gravidanza e neonato
22. Due riflessioni
23. Stipsi
24. Vertigini
25. Cani e Gatti
26. Tipi Omeopatici
27.Bambino-psiche
28.Sport
29.Disturbi venosi
30.Salute obbligatoria
31.Cuore
32.Neonato-mamma-papà
33.Memoria
34.Anziano-aspetti nutrizionali e pnei
35.Colesterolo
35-bis.Colesterolo-bis
36.Acne
37.Anemie
38.Tosse-Omeopatia
39.Enuresi
40.Reflusso gastro-esofageo
41.LEI e LUI
42.LEI e LUI seconda puntata
43.LEI e LUI terza puntata
44.Raffreddore
45.Un po' di respiro
46.Influenza
47.Adolescenza
48.Chakras
49.Ayurveda
50.Medicina cinese
51.DENTI parte prima
52.DENTI parte seconda
53.DENTI parte terza
54.CAPELLI parte prima
55.CAPELLI parte seconda
56.FITOTERAPIA
57.diabete-parte prima
58.diabete-parte seconda
59.Trattamento viscerale
60.Pelle
61.Cronobiologia
62.ANORESSIA parte prima
63.ANORESSIA parte seconda
64.Alcolismo
65.Colori
66.Fegato parte prima
67.Fegato parte seconda
68.Posture
69.Fermenti intestinali parte prima
70.Fermenti intestinali parte seconda
71.Epitrocleite
72.TIROIDE parte prima
73.TIROIDE parte seconda
74.SALUTE E MALATTIA
75.CONGIUNTIVITI
76.OTITE parte prima
77.OTITE parte seconda
78.ORMONI parte prima
79.FISIOGNOMICA
80.ORMONI parte seconda
81.COSMETICI
82.ORMONI parte terza
83.METAFISICA
84.EPIFISI
85. Perchè rinunciare?
86.INQUIETUDINI DI FERRUM METALLICUM
87.ICTUS
88.ICTUS parte seconda
89.Mantra
90.KINESIOLOGIA
91.Fiori di Bach
92.Sogni
93.Odori
94.Gli occhiali
95.La vista
96.Il tatto
97.Il gusto
98.Udito
99.Energia e Cosmo
100.Cento
101.VERATRUM ALBUM
102.EFT
103.Lupus
104.Cavoli
105.Farmaci
106.COLON IRRITABILE parte prima
107.COLON IRRITABILE parte seconda
108. MEDICINA CINESE ancora
109.Il corso di EFT
110.Corsi permanenti
111.Calcoli renali
112.DRENAGGIO
113.Metabolismo2-Fascia
114.PRANOTERAPIA
115.Morbo di Crohn
116.Dolori muscolari
117.Alitosi
118.Carotenoidi
119.Le voglie matte
120.IRIDOLOGIA parte prima
121.IRIDOLOGIA parte seconda
122.HERPES
123.DANNI DEI FARMACI PER LO STOMACO parte prima
124.DANNI DEI FARMACI PER LO STOMACO parte seconda
125.Storia delle babbucce
126.IDROTERAPIA
127.PARODONTITE
128.MEDITAZIONE SUL CUORE
129.LA MORTE DEGLI ALTRI
130.Il sole e la pelle
131.ENFISEMA POLMONARE parte prima
132.ENFISEMA POLMONARE parte seconda
133.Sistema immunitario cerebrale
134.Spagirica
135.TRAUMA DA PARTO
136.SPIGOLATURE
137.I GRASSI
138. Fico d'India
139.Occhi e mirtillo
140.PSICOSOMATICA
141.PSICOSOMATICA parte seconda
142.PSICOSOMATICA parte terza
143.Contatti estenuanti
144.Omeopatia per la pelle
145.HIV
146.CISTI OVARICHE
147.TUMORI
148.Singhiozzo
149.TEMPO DI BILANCI
150.NAUSEA E VOMITO
151.Test per la coppia
152.FEBBRE
153.PARKINSON
154.Minerali da antica farmacia
155.Omotossicologia e metabolismo
156.MEDICINA TIBETANA parte prima
157.DERMATITI E DERMATOSI
158.TRE BIOTIPI
159.Jung
160.GAMBE SENZA RIPOSO
161.Due prodotti delle api
162.ATTACCHI DI PANICO
163.ESAMI DELLE URINE
164.VERMI
165.AVVELENAMENTI parte prima
166.AVVELENAMENTI parte seconda
167.Alcuni alimenti
168.DIVERTICOLI
169.PENSARE POSITIVO
170.Naja Tripudians
171.Tumori 2
172.Unghie
173.Pensare col corpo
174.Gambe disturbi venosi
175.SCLEROSI MULTIPLA
176.Malattie autoimmuni
177.SCLERODERMIA
178.Rimedi per gli occhi
179.INTEGRATORI PER MAMMA
180.PSICHE E FIORI DI BACH parte prima
181.PSICHE E FIORI DI BACH parte seconda
182.PSICHE E FIORI DI BACH parte terza
183.PSICHE E FIORI DI BACH parte quarta
184.PSICHE E FIORI DI BACH parte quinta
185.PSICHE E FIORI DI BACH parte sesta
186.PSICHE E FIORI DI BACH parte settima
187.PSICHE E FIORI DI BACH parte ottava
188.PSICHE E FIORI DI BACH nona e ultima parte
189.Gli oli essenziali
190.OMEOPATIA PER INSONNIA DEL BAMBINO
191.CONSIDERAZIONI SULLA SALUTE
192.Macchie scure sulla pelle
193.Blefarite
194.IPERTENSIONE alcune piante
195.DIFESE IMMUNITARIE
196.ALZHEIMER
197.PIANTE ANTI-STRESS
198.FEGATO parte terza
199.Lavaggio energetico
200.Colpo di fulmine tra due LACHESIS
201.ALOE parte prima
202.Maculopatia degenerativa
203.Fluidificanti del sangue
204.ALLERGIE parte prim
205.ALLERGIE parte seconda
206.ALLERGIE parte terza
207.DEMENZA SENILE
208.INSUFFICIENZA RENALE
209.Quanto siamo aciduli
210.Non è tutto cromo ciò che brilla
211.DALLO SPIRITO ALLA MATERIA
212.Pancreatite
213.Raffinate ed accurate primitive terapie
214.Dermatite seborroica
215.RIMEDI PER BAMBINI
216.SCUOLA SALERNITANA parte prima
217.SCUOLA SALERNITANA parte seconda
218.SCUOLA SALERNITANA parte terza
219.Controllo e Ascolto
220.OLIO DI GERME DI GRANO
221.ORTICARIA
222.REFLUSSO GASTRO-ESOFAGEO parte seconda
223.INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO
224.STORIE DI ORDINARIO TORMENTO parte prima
225.STORIE DI ORDINARIO TORMENTO parte seconda
226.DIETA BASE e BAMBINO IPERCINETICO
227.ARTRITE E DOLORI ARTICOLARI
228.RIEDUCAZIONE DELLA PERCEZIONE SONORA
229.OBESITA INFANTILE
230.UNA MEDITAZIONE PER CORREGGERE LE REAZIONI RIPETITIVE
231.ANCORA CUORE
232.VACCINI
233.Balbuzie
234.PAROLE DIFFICILI idiopatico
235.SCOLIOSI
236.Percorsi benessere con regalo
237.DIURESI alcune piante utilissime
238.DIETA BASE
239.ALCHIMIA
240.RADIOTERAPIA un sostegno omeopatico per limitare i danni
241.CORSO ACCELERATO DI OMEOPATIA
242.ANALISI FISIOGNOMICA di un attore
243.CHILI DI TROPPO
244.CHILI DI TROPPO parte seconda
245.ARGILLA
246.Memoria e concentrazione
247.LE PAROLE DIFFICILI escara e flittena
248.ABBASSAMENTO RENALE
249.ALIMENTI FERMENTATI
250.MELATONINA
251.SONDAGGIO
252.Ottuso dogmatismo
253.Ancora fegato
254.PRANAYAMA parte prima
255.PRANAYAMA parte seconda
256.CEFALEA
257.Alimentazione spigolature
258.LE PAROLE DIFFICILI Fotosensibilizzazione
259.ANCORA RENE
260.MEDITARE STANDO AFFACCIATI
261.PRESSIONE ALTA parte prima
262.IPERTENSIONE parte seconda
263.OGM prodotti transgenici
264.Abusi della sanità
265.PRODOTTI SOLARI
266.Ricette mediterranee
267.IPERTENSIONE parte terza
268.TUMORI parte terza
269.COSE DI DONNE
270.Falsi bisogni creati dal mercato
271.IPERTENSIONE parte quarta
272.ANTICHE RICETTE una conserva di susine
273.LE PAROLE DIFFICILI Palliativo
274.STIPSI
275.TAURINA
276.IPERTENSIONE parte quinta
277.INQUINAMENTO ACUSTICO
278.DERMATITE ATOPICA
279.SAPORE DI SALE
280.PARACELSO
281.Metalli pesanti e danni alla pelle
282.IPERTENSIONE parte sesta RIMEDI NATURALI
283.MIA CONFERENZA
284.MALATTIE AUTOIMMUNI parte prima
285.MALATTIE AUTOIMMUNI parte seconda
286.SISTEMA NERVOSO DUE NOTE
287.LE PAROLE DIFFICILI Deontologia e Metastasi
288.IPERTENSIONE parte settima
289.ALLUCE VALGO
290.VERTIGINI fitoterapia
291.DISTURBI INVERNALI DEL BAMBINO
292.ASPETTI PSICHICI DI ALCUNI RIMEDI OMEOPATICI parte primaO
293.OMOTOSSICOLOGIA
294.ASPETTI PSICHICI DI ALCUNI RIMEDI OMEOPATICI parte seconda
295.Buon Natale filosofeggiando
296.ASPETTI PSICHICI DI ALCUNI RIMEDI OMEOPATICI parte terza
297.ASPETTI PSICHICI DI ALCUNI RIMEDI OMEOPATICI parte quarta
298.ASPETTI PSICHICI DI ALCUNI RIMEDI OMEOPATICI parte quinta
299.ASPETTI PSICHICI DI ALCUNI RIMEDI OMEOPATICI parte sesta e ultima
300.DISTURBI INTESTINALI antichissima ricetta
301.Donna e iperandrogenismo
302.FISIOGNOMICA APPLICATA AI RIMEDI OMEOPATICI
303.Possibile prevenire il tumore al fegato con il Chelidonium
304.Litoterapia
305.Fitoterapia per emicrania
306.Parole difficili della medicina OSTEOFITI
307.IL DOLORE DEI NOSTRI ANIMALI
308.RAVANELLO
309.Tre tipi di pepe
310.RUGHE
311.DISTURBI DELLA PROSTATA
312.FERMENTI INTESTINALI
313.PRANOTERAPIA
314.MENINGITE
315.Parole difficili della medicina FISTOLE
316.CLORURO DI MAGNESIO
317.PANNOLINI PER BAMBINI
318.Le emozioni depositate sui denti
319.Meditazione sulla vergogna
320.ANTIOSSIDANTI
321.Malattie autoimmuni
322.INSONNIA punti da trattare
323.Parole difficili in medicina STEATOSI EPATICA
324.Carota
325.Cicatrizzazione
326.Strategie di bisogno e potere
327.ENZIMI
328.Lampone
329.Commento durante la breve vacanza
330.LE PAROLE DIFFICILI DELLA MEDICINA apoptosi e necrosi
331.Nasce la nuova associazione TING
332.ALOPECIA AREATA rimedio Ayurvedico
333.LAVAGGIO EPATICO
334.Incontri autunnali
335.Sindrome di Dupuytren
336.Abuso di farmaci
337.TOSSE parte prima
338.Corso di alimentazione
339.TOSSE parte seconda
340.TOSSE parte terza
341.TOSSE parte quarta
342.MEDITAZIONE SULLE PAURE
343.Interazione individuo e ambiente
344.Respirazione
345.Epifisi e melatonina
346.Cefalea
347.Ibisco
348.CLa magia dei fermenti
349.LEDUM PALUSTRE
350.Unghia di gatto
351.Cicoria
352.Respirazione
353.Albero della vita e scelta di un rimedio
354.Studiare da adulti
355.Meditazione per essere autorevole
356.Tre piante per gli occhi
357.Metabolismo
358.Un consiglio disinteressato
359.Gengivite
360.Diarrea del bambino
361.Fiori di Bach per uscire da una dipendenza
362.Sulfur
363.Linfa e tessuto connettiv
364.Anatomia della fascia
365.GOLA
366.Fiori di Bach per il neonato
367.Note sul cuore
368.Artemisia
369.Codici biologici
370.Rimedi omeopatici per insonnia e paziente scettico
371.Piselli
372.Rimedi per cani
373.Un decotto antico per depurarsi
374.Un caso di diabete di tipo II
375.ALOE
376.Le radici del desiderio
377.Alzheimer approfondimento
378.Colori
379.Colori per la casa
380.USO PERSONALE DEI COLORI
381.DERMATOMERI E METAMERI
382.La nostra pelle
383.Omeostasi, salute e malattia
384.Parole difficili della medicina ACROMEGALIA
385.DERMATITE un questionario utile
386.Citrus aurantium
387.Fibromialgia
388.Piante per gli occhi
389.Coliche addominali del bambino
390.Disturbi mentali
391.Piccola pausa
392.Raffreddore
393.SISTEMA IMMUNITARIO storiella horror-humor
394.ALIMENTAZIONE tre note
395.ASMA rimedi omeopatici
396.ARNICA rimedi omeopatici
397.Rhus Toxicodendron
398.Zucca
399.Corso di fitoterapia online
400.Conferenza su Cuore e dislipidemie

sabato 15 dicembre 2012

ALZHEIMER

A L Z H E I M E R


Secondo Dharma Singh Khalsa, direttore della fondazione per la prevenzione dell’Alzheimer di Tucson, questa patologia è una delle conseguenze del declino cognitivo associato all’età. Nel suo libro “Brain longevity” egli spiega la sua interpretazione della malattia ed espone un programma globale (dietetico, farmacologico, comportamentale ecc. ecc.) da attuare in fase precoce per prevenire l’insorgere della malattia o arrestarla alle prime fasi. “Io credo che il morbo di Alzheimer possa essere ritardato e prevenuto, e che la progressiva perdita di memoria possa essere debellata. Non accetto l’inevitabilità della malattia e neppure l’inevitabilità del calo di memoria associato all’età. Persino chi è molto anziano non solo può conservare una memoria quasi perfetta, ma può anche avere una mente giovane, caratterizzata da dinamismo cerebrale, capacità di apprendere, creatività e slanci emotivi esattamente uguali a quelli delle precedenti stagioni della vita. 
Ipotesi sulle cause. 
Nella categoria di persone considerate ad alto rischio si è rilevata la presenza di numerosi soggetti con vasculopatie pregresse. Una carenza di ossigeno nel cervello è fortemente collegata ai tipici sintomi dell’Alzheimer. Infatti all’autopsia si rileva che in questi pazienti l’incidenza di ischemie cerebrali è particolarmente alta.
 Sintomi di deficit mentali possono essere causati anche da allergie alimentari croniche e da esposizione ad inquinamento ambientale, in particolare a Pb, As, Al, Hg. Tra le cause che possono scatenare il deficit mnemonico. Khalsa sottolinea una vita di stress cronico incessante; infatti un sovraccarico di stress mette in circolo abnormi quantità di cortisolo che danneggia e uccide migliaia di cellule cerebrali. Anzi Khalsa mette al primo posto tra i fattori scatenanti proprio il cortisolo. 

ALIMENTAZIONE-INTEGRATORI 
Un trattamento con ACIDO FOLICO e Vitamina B6 ha dimostrato di diminuire i livelli ematici di omocisteina, una proteina che precedenti studi suggeriscono sia associata all’aggravarsi della patologia. Livelli cronicamente bassi di Zn rendono vulnerabili all’intossicazione da Al e Pb, responsabili della perdita di memoria. Oltre che nell’Alzheimer, un accumulo abnorme di Al (= alluminio) è stato trovato anche nei neuroni di pazienti con gravi problemi neurologici. Una possibile fonte di intossicazione è costituita da alimenti acidi cucinati in pentole di alluminio. La concentrazione di Al aumenta proporzionalmente al tempo di cottura; aumenta dopo l’aggiunta di zucchero e, ancora di più, se le pentole sono vecchie. Ad esempio nel té sono state trovate alte concentrazioni di Al già dopo 10 minuti di infusione. Si dovrebbe quindi evitare di usare sia recipienti di Al, sia pentole antiaderenti, che sono sempre di Al, quando il loro interno risulti graffiato. Kalbom e Keine consigliano di non usare antiacidi contenenti Al nè aspirina tamponata ecc; molti deodoranti ascellari, alcuni cosmetici, alcuni dentifrici, alcuni antidiarroici, shampoo antiforfora, fogli di Al per la conservazione degli alimenti e il “lievito minerale” che contiene sali di Al; consigliano inoltre di fare il mineralogramma periodicamente. Evitare i cibi preconfezionati e/o preparati con formaggio lavorato; Digiuno o dieta depurativi almeno 1 volta all’anno servono ad eliminare i metalli pesanti. Cibi consigliati= sardine, sgombri e pesce grasso in generale; cibi ricchi di zolfo come CIPOLLE, AGLIO, FAGIOLI, UOVA: questi aiutano ad eliminare i metalli pesanti. Anche le FIBRE SOLUBILI come la pectina, la gomma di guar, i semi di psillio e la crusca di avena sono utili agenti disintossicanti. Come integratori gli OMEGA3 sono consigliati in quanto già nel soggetto normale riducono il rischio dell’Alzheimer. Nutrienti utili= BETA-CAROTENE, VITAMINA C, BIOFLAVONOIDI, VITAMINA E, SELENIO. Succhi= -- carote , cavolo a foglia, prezzemolo e spinaci come fonte di betacarotene; -- cavolo, prezzemolo, peperoni verdi e spinaci come fonte di vitamina C; -- uva, ciliegie, pompelmo e limoni come fonte di bioflavonoidi; -- spinaci, asparagi e carote come fonte di vitE; -- rape, aglio, arance come fonte di selenio. 

In uno studio prospettico svolto su 633 soggetti con età superiore a 65 anni è stata valutata l’efficacia delle vitamine C ed E. I risultati sono stati ottimi e hanno portato alla conclusione che l’uso di alte dosi di vitamine C ed E può diminuire il rischio di contrarre l’Alzheimer. Ovviamente restano da fare molti altri studi, anche per considerare i rischi di effetti collaterali o altre malattie che possono derivare dall’uso di alte dosi di vitamine, specialmente se sintetiche. Vi sono riscontri scientifici sull’attività di piccoli peptidi di origine fisiologica, in grado di inibire o comunque rallentare notevolmente la formazione delle proteine alfa-amiloidi: un approccio di integrazione nutrizionale che tenga presente questi rilievi legati alla caratterizzazione della malattia possono quindi contribuire ad alleviare i sintomi della malattia medesima e rallentarne il decorso. L’associazione di VITAMINA A e Vitamina C, ZINCO e sostanze in grado di ridurre la formazione di prodotti della glicazione proteica come la CARNOSINA e la PIRIDOSSAMINA, può rappresentare un valido integratore. Tali molecole, infatti, sembrano agire proprio nel momento patogenetico della malattia (carnosina e piridossamina) mentre le vitamine A e C sembrano prevenire il danno da ROS (radicali liberi) che accompagna il decorso della malattia. Lo Zinco, infine, risulta un cofattore metallico scarsamente presente nel sangue e quindi nei tessuti dei pazienti Alzheimer: una sua adeguata integrazione potrebbe quindi risultare utile per il miglioramento della sintomatologia. In particolare la carnosina, un dipeptide costituito da L-istidina e L-alanina comunemente presente in alcuni tessuti come il muscolo scheletrico, il miocardio, il rene e proprio il SNC e la piridossamina (Vitamina B6) sono in grado di legarsi alle molecole di glucosio con selettività maggiore rispetto alle proteine dei tessuti, prevenendo così la formazione degli AGEs; pare altresì che la carnosina sia in grado di inibire la formazione delle proteine amiloidi insolubili responsabili delle placche che si osservano nei pazienti dopo l’esame autoptico. Secondo il programma terapeutico di Khalsa la dieta deve essere povera di grassi, ricca di sostanze nutritive, bilanciata con prevalenza di cibi naturali non pretrattati. La riduzione dei grassi è particolarmente importante perché è stata dimostrata una correlazione tra dieta ricca di grassi e malattia di Alzheimer. Su questa considerazione mi permetto umilmente di non essere d'accordo!!! A questa dieta l’autore associa: (1) vitamina E, per la sua azione antiossidante che protegge le cellule nervose, alla dose di 800 UI/die,(2) le vitamine gruppo B , essenziali per la salute del cervello perché intervengono nella produzione dei neurotrasmettitori, e soprattutto la B3 (niacina) alla dose di 100-200 mg/die, necessaria per la salute del sistema nervoso e del cervello e particolarmente utile per migliorare la memoria.(4) fosfatidilserina 300 mg/die. La fosfatidilserina è un grasso derivato dalla lecitina di soia (e già sull’uso di questa sono assolutamente contraria dato che la soia anche “non transgenica” è a rischio di contaminazione transgenica). Essa migliora l’attenzione, la concentrazione, l’umore e la memoria a breve termine; permette agli elementi nutritivi di penetrare più facilmente nelle cellule cerebrali e sostiene la funzione dei neurotrasmettitori. (5) Gingko biloba 90-240 mg/die. Essa aumenta il flusso ematico diretto alle arteriole del cervello e combatte i radicali liberi. (6) Coenzima Q10 ha un effetto neuroprotettore. Esso è un catalizzatore nella produzione dell’energia di cui le cellule hanno bisogno per vivere, essendo parte integrale del mitocondrio, l’organo cellulare responsabile di circa il 95% dell’energia totale necessaria all’organismo umano. L’apporto di CoQ10 può rendere reversibili gli effetti dell’invecchiamento, di una dieta errata e della diminuita resistenza alle malattie tanto frequente negli anziani. (7) In alcuni casi viene aggiunta L-acetilcarnitina che migliora la conversione di energia nei mitocondri del cervello, e probabilmente anche la coordinazione tra i due emisferi cerebrali. (8) DEPRENILE CITRATO 8 mg/die in forma liquida. Il deprenile è una sostanza sintetica nota come tonico cerebrale. Esso non solo inibisce la dopamina, ma è anche in grado di stimolare il cervello a produrne maggiori quantità, il che è utile perché i livelli di dopamina solitamente calano con l’età. (9) In sostituzione degli estrogeni che vengono usati in allopatia, Khalsa prescrive il DHEA 50 mg/die e il PREGNENOLONE 10-100 mg/die, entrambi in grado di migliorare la memoria. Il pregnenolone, sintetizzato nel corpo a partire dal colesterolo nel cervello e nei nervi periferici, migliora la trasmissione nervosa, l’umore e la memoria e può stimolare o sedare l’attività cerebrale. FITOTERAPIA GINGKO BILOBA ha la stessa efficacia dei farmaci attualmente prescritti come tacrina e donezepil, con effetti collaterali minimi. I flavonoidi proteggono le membrane biologiche dall’azione dei radicali liberi dell’ossigeno, aumentano la resistenza capillare riducendone la permeabilità, esplicano un’attività antinfiammatoria, riducono lo spasmo arteriolare. Inoltre migliorano l’utilizzazione tissutale di O2 e glucosio. I Gingkolidi sono potenti antagonisti del PAF e quindi antagonizzano la formazione di trombi. La dose di estratto di Gingko è 120 mg/die. Piante che agiscono in sinergia con Gingko sono GLICINE MAX (sempre la soia!) la lecitina costituisce il precursore dell’ACH. Withania somnifera migliora le attività cognitive; il suo meccanismo d’azione è quello di aumentare l’attività dei recettori corticali per l’ACH. PANAX GINSENG migliora la capacità di calcolo aritmetico, di attenzione, di tempo di reazione. Dà una sensazione di benessere e allevia la stanchezza. Diversi testi di riferimento a livello europeo indicano una varietà di altre piante quali in primis SALVIA OFFICINALIS E MELISSA OFFICINALIS con proprietà di miglioramento della memoria. Negli estratti di queste piante sono state recentemente individuate attività colinergiche, in quanto contiene un glicoside che blocca l’acetilcolinesterasi. OMEOPATIA Si esegue un ciclo nel modo seguente: NATRUM SULFURICUM CMK 2 dosi e CARBO ANIMALIS XMK 2 dosi al 1° giorno. Il natrum sulfuricum per la violenza paranoica e il carbo animalis per contrastare la degenerazione del tessuto nervoso. Poi, il giorno dopo THUJA 0/180 LM 3 dosi e BAPTISIA 0/180LM 3 dosi; poi il giorno dopo MENTHA PIPERITA MK dose 4 dosi, PETROLEUM CMK 4 dosi e LYCOPODIUM CMK 5 dosi; poi dal giorno seguente e per 3 settimane SECALE HEEL 20 gtt al mattino. Dopo 3 mesi ANTIMONIUM CRUDUM RM dose 10 dosi, IGNATIA XMK 5 dosi e dal giorno dopo per 3 settimane EQUIL PAX 50 gtt in un L di acqua, 1 sorso 4-5 volte al dì. Poi pausa e ricominciare dopo circa 3 mesi. E’ ovvio che si tratta di un caso singolo. Per ogni paziente vanno cercati i rimedi specifici, tenendo fermi quelli di valore generale per la patologia (= a tropismo sul SN o a carattere rigenerante) e cioè il carbo animalis, petroleum e quelli assunti giornalmente per le 3 settimane. COMPORTAMENTO ESERCIZI CULTURALI Il training mentale comporta esercizi di memoria e apprendimento, perché dopo tutto il cervello va tenuto in allenamento come i muscoli. Semplici esercizi come imparare a memoria e discutere articoli di giornale, fare la settimana enigmistica o leggere libri interessanti per il soggetto, possono aiutare a reintegrare l’energia cerebrale stimolando le cellule cerebrali a produrre più connessioni nervose. Un aspetto importante nell’esercitare la memoria verbale è costituito dall’esercizio di associarvi delle figure. Più figure ci sono più si ricorda il concetto espresso in un testo.

 ESERCIZI RESPIRATORI tecniche di respirazione lenta e profonda (v yoga) 

CORRENTI SONORE che generano vibrazioni come ad esempio recitare mantra o brevi sillabe secondo la medicina ayurvedica. 

PARTICOLARI MOVIMENTI DELLE DITA come toccare con il pollice ad una ad una le punte delle dita. 

ATTIVITA’ FISICA a piacere e proporzionatamente allo stato di salute generale. 


NOTE ringrazio le geniali artiste , autrici dei dipinti qui riportati che sono rispettivamente: Il colosso dell’Appennino di Zafina Vasa La raccolta del Tabacco di Maria Rollo Anche questo è autunno di Carla Colombo. Tutte opere che trovate nei blog delle autrici Zafina Vasa su La vostra arte di Carla Colombo; Luci e colori di Maria Rollo che trovate pure in una personale su La vostra arte di Carla Colombo, e arte Carla Colombo di Carla...... ......ho ripetuto Carla fin troppe volte, ma è inevitabile, trovandosi ad essere un centro di diffusione d’arte non certo indifferente ;-)

14 commenti:

  1. Accidenti al maledetto alluminio... mi sa che la mia vita ne è piena... Dovrò cominciare col rinnovo delle pentole antiaderenti... E meno male che almeno ci do dentro con aglio e uova... :)
    Scherzi a parte è proprio terrorizzante, quella che nel mio romanzo viene chiamata eufemisticamente "perdita della lucidità"...
    Di buono c'è che la mia mente è sempre pazzescamente attiva e allenata, ma bisognerebbe diminuire lo stress...

    Ciao carissima!

    RispondiElimina
  2. hai ragione, fa paura anche a me : d'altra parte non si può pensare a prevenire tutto...se non viene una malattia ne viene un'altra! A costo di contraddirmi, pur scrivendo nozioni utili alla salute credo che il pensarci troppo sia solo uno stress in più ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione, sai?
      Dimenticavo, grazie per il consiglio di lettura che ho visto qui a sinistra... :)
      Buona domenica, mia cara amica!

      Elimina
  3. ciaoo Mar
    questa malattia fa paura a tutti noi, forse causa dei troppi esempi che abbiamo sotto gli occhi. Però io dico sempre..di qualcosa dobbiamo morire...e che sia quella che ci è prefissata.
    Non mi faccio più paranoie e studi mentale avendo davanti esempi di tanti...persone con salute di ferro morte all'improvviso e persone malate sa sempre ed ancora in vita.
    Vada come vada...ma se deve andare...per favore senza sofferenza...soprattutto di coloro che mi dovesse assistere.
    Uffolina..che mi fai dire sotto Natale.
    Senti cara Mar...ahahaha...col cittarmi troppo rischio davvero di diventare troppo prezzemola..e pensare che tutti, o quasi, che ho esposto sul blog si sono persi...sembra quasi che loro abbiano fatto un piacere un me...boh...
    Così va il mondo cara Mar...tutto è dovuto ed anche quando non è dovuto lo fanno diventare...dovuto.
    bacioneee
    Oggi sono un pochino sarcastica vero?
    Tu però non ti scordi mai di me :-))) grazieeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

    RispondiElimina
  4. urca..vedo solo ora che hai messo a sinistra qualcosa sulla mia raccolta..lo prendo subito e lo porto con me sul blog..ed invito anche zip Scriba che non conosco...bacione e grazie ancora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carla forse ho fatto un errore di battitura, ma citavo Zio scriba che conosci e che mi ha contattato proprio dal tuo blog! Se davvero non lo conosci può darsi che ricordo male qual'è stato il nostro trait d'union all'inizio...
      Ciao carissima buona settimana!!!

      Elimina
  5. Credo che siamo tutti terrorizzati dall'eventualità di incappare in questa atroce malattia.
    Non che ci siano malattie preferibili ad altre, e quello che ci tocca ... ci tocca. Ma pur nella gravità di quella che è toccata a me, credo che la perdita totale della propria personalità e dignità umana sia quanto di più drammatico e terribile possa capitarci. Vivere come un vegetale, senza volontà e senza ricordi, diventando un peso intollerabile per la propria famiglia? molto meglio morire!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. concordo con le tue considerazioni... che situazione drammatica per coloro che la vivono e che logoramento emotivo oltre che fisico per i familiari!

      Elimina
  6. eiii Mar...hai saltato un altro mio commento... lungo che ti avevo fatto a proposito del post ...dici che era meglio annullarlo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. OPS!!! non lo avevo visto: ho il computer nuovo di pacca ... in pratica ce l'ho da due giorni e dover imparare tutta questa roba nuova mi manda nel pallone. Con questa casella di posta nuova mi arrivano i messaggi tutti allineati e sembrano tutti uguali e parecchi mi arrivano doppi!!! perciò proprio il commento più lungo lo avevo saltato credendo fosse un doppione del precedente. Hai fatto bene a dirmelo così ho rimediato subito :-)
      E' vero che è triste parlare di queste cose proprio sotto il clima festivo... quando uno legge qualcosa su una malattia fa presto a immaginare cosa preferirebbe e se gli capiterà, perciò al prossimo post cercherò un argomento più allegro...!!!
      grazie del grazie....ehi ma così non la finiremo più di ringraziarci :-)

      Elimina
    2. allora basta..grazieeeeeeeeee. Tanto lo sappiamo già...fra noi due. ciaoooo

      Elimina
  7. condivido ma non in toto, perchè non tiene conto della carenza-presenza degli oligoelementi bio-catalizzatori, che sono gli attivatori di ENZIMI, in modo particolari, quelli dei Mitocondri, che aumentano la produzione di energia-cellula, se tutti presenti-attivati, in modo esponenziale, come mini centrali nucleari a temperatura corporea ! , con pochissime scorie e quindi, sangue venoso più pulito ed organi depuratori, a funzionalità normale. Inoltre, la presenza-equilibrio di oligoelementi, elimina i metalli pesanti, RIGENERA in toto, il tanto ignorato fenomeno alchemico organismo, che chiamasi, TRASMUTAZIONI !, ANTICAMERA DI RIPRISTINO DEL NOSTRO SISTEMA IMMUNITARIO !

    RispondiElimina

Solo commenti in italiano

Informazioni personali

Le mie foto
Marina Salomone
Mi occupo di terapie olistiche dal 1983. Hobby principale il disegno: sono su Flickr sotto il nome di Marina Salomone
per chi fosse interessato a trattare questi argomenti in maniera più appofondita c' è sempre il mio sito web ufficiale: www.GurudiTamara.com
Visualizza il mio profilo completo

Lettori 5402

Archivio blog